Perfezionamento alimentare personale: metodo 6(MDA)

Visto che il riavanzamento (transizione) personale, verso finalmente l’alimentazione adatta alla Specie Umana, va fatto in maniera graduale, del tutto l’unico modo non solo salutare e semplice, ma addirittura assolutamente indispensabile per non avere problemi, è il cosiddetto Metodo 6(MDA)

[“6″ indica le 6 fasi “alimentari” da effettuare, “MDA” indica l’impostazione giornaliera (di ogni fase), che, dall’onnarismo al vegan-crudismo, è quella meno tossica, mentre, nel fruttarismo, diventa Sostenibile, e, nel Melarismo, diventa salutare]:

1_Piramide_Fruttariana_Sostenibile_3M

1. Fase Onnariana (MDA-1)
2. Fase Vegetariana (MDA-2)
3. Fase Vegan (MDA-3)
5. Fase Fruttariana Sostenibile (F1, F2, F3)
6. Melarismo Salutare (M1, M2, M3)

Dunque, proprio per attutire i danni cellulari in accumulo, minuto dopo minuto, secondo dopo secondo, durante ogni predetta fase (come si dovrebbe fare, a maggior ragione, anche nella fase onnariana), si deve attuare solo ed esclusivamente l’impostazione giornaliera MDA: siccome l’organismo di una Specie Malivora come la nostra non può minimamente subire un letterale bombardamento di tossine aspecifiche per ben tre volte al giorno (colazione, pranzo e cena), perché reggerebbe pochissimo prima di darci i primi sintomi, e sempre crescenti, di qualsiasi tipo di patologia, dobbiamo assolutamente sempre fare in modo che almeno i primi 2 dei suddetti pasti siano:

– Il primo pasto (Colazione, detto “M”=Mela) completamente senza tossine aspecifiche.

– Il secondo pasto (Pranzo, detto “D”=Frutta Dolce) con tossine aspecifiche non forti.

– E solo alla fine, al limite, mai più di un pasto al giorno, il terzo pasto (Cena, detto “A”=Alcalinizzante) anche con eventuali tossine aspecifiche più forti (ecco, appunto, perché l’impostazione giornaliera si chiama “MDA”).

In sintesi, quindi, in ogni singola fase “alimentare” pre-Fruttariana, dall’Onnarismo, al Vegetarismo, al Veganismo, al Vegan-Crudismo, è assolutamente indispensabile avere la seguente impostazione giornaliera “MDA”:

1. Colazione: “M”= Mela [consumare da una a tre mele rosse (non meno di una e non più di tre; ognuna del peso medio commerciale di due etti; almeno biologica e consumata compreso la buccia; durante la mattinata, quando se ne sente più il bisogno)];

2. Pranzo: “D”=Frutta Dolce [consumare tre tipi di Frutta Dolce (di quantità a sazietà; evitare la frutta acida per i motivi posdetti)];

3. Cena: “A”= Alcalinizzante [consumare quasi esclusivamente i “cibi” più alcalinizzanti (della fase “alimentare” che si sta attuando, cioè Onnariana, o Vegetariana, o Vegan, o Vegan-Crudista; l’impostazione della Cena in ognuna di queste fasi è esposta nel libro in ogni relativo paragrafo, in cui sono già stati selezionati i “cibi” più Alcalinizzanti e come vanno solo minimamente alternati con quelli Acidificanti].

Questa impostazione giornaliera MDA è assolutamente l’unica che consente alle Fasi pre-Fruttariane, di costituire almeno ognuna una fase transitoria con un livello meno tossico possibile; per ottenere ciò si sono dovuti tenere presenti soprattutto i quattro parametri fondamentali di ogni modello alimentare:

1. L’alimento Specie-Specifico per la Specie Umana, la Mela Rossa [l’alimento Specie-Specifico è ovviamente il parametro non solo fondamentale, ma del tutto essenziale per la salute di qualsiasi Specie Animale, oltre che vegetale; è altrettanto essenziale consumarlo come primo alimento dell’intera giornata, e lasciarlo “lavorare” biochimicamente dentro di noi senza aggiungere nessun’ altra sostanza, liquida o solida (eccetto un po’ d’acqua |non gassata| se lo richiede l’organismo, visto il pasto serale ancora aspecifico), per almeno tre o quattro ore prima del pranzo];

2. L’equilibrio Proto-Lipo-Glicidico; [è già ottimamente bilanciato nell’impostazione MDA, attraverso una fase più glucidica, a Colazione e a Pranzo, dove servono assolutamente più energie fresche ma soprattutto senza l’iper-patologico blocco della fase catabolica e anabolica circadiana, ed una fase più plastica (proto-lipidica), ma sempre in modo molto leggero e più digeribile, per la cena, che utilizza tutta la potente fase circadiana trofica notturna per il successivo assorbimento ed assimilazione totali];

3. L’equilibrio Acido-Base; [anch’esso è già ottimamente bilanciato nell’impostazione MDA, ed è del tutto fondamentale visto la sempre più correlata scientificamente azione fortemente patologica del suo mancato bilanciamento all’interno almeno di ogni giornata; la Mela Rossa, in particolare Stark, consumata a colazione, è l’unico alimento che nella nostra Specie, lascia il pH perfettamente inalterato a 7,41 [comprare le strisce per misurazione pH dell’urina, da misurare tutto il giorno per assicurarsi che non scenda assolutamente mai sotto il 7.4, e non salga oltre l’8.00…8.5 è già troppo alcalino], e che quindi non ha bisogno di essere bilanciato; successivamente, la Frutta Dolce consumata a Pranzo, essendo leggermente Acidificante, è bilanciata proprio con la tipologia di cena decisamente Alcalinizzante dell’impostazione MDA, che consente anche a tutte le ore notturne di mantenere nell’organismo un ambiente con una leggera Alcalinità risultante dall’interazione con la Frutta Dolce diurna, che è ottimale anche per il corretto riposo notturno.

Annunci