Fruitburger e “patatine”

Ingredienti e preparazione:

I fruitburger si preparano frullando melanzane tonde larghe con un 20% di olio d’oliva denocciolato spremuto a freddo (meglio se biologico), eventualmente insieme a un po’ di pomodoro secco; si scola l’acqua in sovrappiù del frullato e, con una formina per hamburger, si vanno plasmando. Se la melanzana è del tipo molto amaro, allora prima di frullarla conviene deamarizzarla col classico metodo del sale. Porre i fruitburger ottenuti su carta da forno ed essiccare (o in forno o meglio in un essiccatore) a temperatura non maggiore di 45°C (per non alterarne il valore nutrizionale) per molte ore, all’incirca otto.

Si otterrà il seguente risultato:

20141206_205512

Le patatine “fritte” fruttariane si possono ottenere di due tipi:

a) Strette e lunghe: tagliare delle zucchine per lungo in modo che assumano la forma delle classiche patatine, dopo averle sbucciate. Poi impregnarle totalmente in olio denocciolato e porle in essiccatore per circa sei ore (non solo non sono fritte, ma sono addirittura frutta cruda, decisamente salutari e dal gusto infinitamente superiore).

20141126_205819

b) A sfoglia: zucchine con la buccia tagliate in senso obliquo a rondelle molto sottili con mandolina, poi impregnate totalmente di olio d’oliva denocciolato e poste in essiccatore (sempre non superando i 45°) per circa quattro ore.

20150108_210133

Ketchup fruttariano:

salsa frullata di: 70% pomodorini datterini, 15% pomodoro essiccato e 15% uva essiccata. (Per chi ancora non è in fasi alimentari avanzate e quindi può ancora permettersi di utilizzare l’aceto, anche se fortemente sconsigliato, per rendere il ketchup ancora più simile a quello tradizionale, conviene aggiungere una piccola percentuale di aceto di mele).

Maionese fruttariana:

salsa frullata di: avocado, pomodorini e abbondante olio d’oliva denocciolato.

20141126_213231

Buon godimento.

Annunci