ARANCINE FRUTTARIANE (le prime nella storia)

20141213_213819 20141213_213858 20141213_213916811116117_71518

(le prime in assoluto nella storia)

La parte interna è costituita da:

Base: riso di zucchina fatto per bene, tagliando prima la zucchina a spaghetti (con attrezzo adatto tipo Spiromat o Spiralix) e poi con coltello velocemente per formare i “chicchi”.

Ragù: preparato frullando melanzana tonda deamarizzata con un 15% di olio di oliva denocciolato, poi essiccare, non eccessivamente, il frullato per circa 4 ore, e frullarlo di nuovo grossolanamente dopo che avrà preso consistenza (per essiccazione si intende sempre a una temperatura non superiore ai 45, max 50 gradi).

20141214_190604

20141212_221557

Condimento: 70% di avocado (il burro del marinaio); 15% olio denocciolato d’oliva bio; 6% pomodoro; 9% zucchina frullati insieme.

Aggiunta, nel condimento, del “prosciutto” fruttariano a cubetti (classico delle arancine): pomodoro secco tagliato a cubetti piccoli, quanto basta.

Mescolare bene il tutto: riso, condimento e ragù e compattarlo in varie sfere.

20141212_221550 20141212_221605

Strato esterno:

frullare un bel po’ di zucca con un 15% di olio denocciolato, e porre ad essiccare il frullato ottenuto, con carta da forno per evitare la scolatura.

20141212_221541

Una volta che sarà diventato secco, rifrullarlo per ottenere una farina perfetta (e cruda!!) sulla quale avvolgere le sfere ben compattate della parte interna suddetta.

20141213_120330

811119599_79103Bisogna cercare di non farle rompere: questo passaggio richiede una certa manualità e delicatezza nell’operare, ma una volta riusciti a plasmare le sfere (magari farle piccoline in modo da riuscire meglio; aiutarsi con qualche arnese da cucina) intorno alla farina di zucca, basterà solamente porre su carta da forno le arancine, ed essiccarle ancora per qualche ora affinché divengano più compatte e maneggevoli, oltre che molto più gustose.

20141213_125423 20141213_125713 20141213_131152 20141213_143803

Annunci