Esercizio fisico naturale della specie umana

Qualsiasi tipo di alimentazione si conduce, occorre sempre accompagnarla con l’unica attività fisica naturale, cioè l’unica in assoluto adatta alla nostra specie. Questo tipo di attività fisica è del tutto fondamentale, anche pochissima, ma tutti i giorni.

Per capire quale sia lo sport più completo, e l’unico veramente adatto e quindi non dannoso perché naturale per qualsiasi settore del nostro fisico, basta sapere che noi abbiamo la struttura fisica degli animali arboricoli (i primati), e che, quindi, l’unica attività motoria adatta alla nostra specie (a parte la locomozione bipede, cioè camminare e, al limite, correre) è proprio quella di arrampicarsi su un albero.

la-ragazza-si-è-arrampicata-sull-albero-21432468

Esiste anche il relativo sport, il tree-climbing , in diffusione sempre più rapida, a tal punto che è stato proposto anche come disciplina olimpica. L’ideale è arrampicarsi proprio su un grande melo, l’unica struttura arborea veramente adatta alla nostra specie, quindi fino ad altezze non superiori ai circa 5 metri, facendo attenzione chi non è ancora abituato.

Ovviamente, dopo 60 milioni di anni di vita quasi totalmente arboricola dei nostri antenati, la riattivazione di questi movimenti è un’azione enormemente positiva per il nostro organismo, anche dal punto di vista mentale.

Questo tipo di movimenti, contenendo naturalmente la distribuzione del carico muscolare del tutto perfetta per la nostra specie (dai dorsali, ai pettorali, ai bicipiti, quadricipiti ecc.), costituisce l’unica attività fisica al mondo che consente lo sviluppo di un fisico finalmente naturale: tonico, muscoloso, con spalle larghe, e perfettamente armonioso.

Per chi non avesse la meravigliosa possibilità di avere un melo, o al limite un altro albero, a portata di mano, serve qualcosa che lo simuli.

La simulazione migliore dell’azione arboricola è costituita, per il busto, principalmente da 4 movimenti in ordine di importanza: le trazioni alla sbarra; le flessioni a terra; le parallele; gli addominali alla sbarra. Per le gambe invece, l’esercizio migliore sono le flessioni su se stessi. Stiamo parlando di tutti esercizi a corpo libero quindi, naturali, senza carichi. Al limite, si può usare un peso da mettere fra le gambe, o pesi da tenere in mano durante le flessioni sulle gambe come gli affondi, per aumentare lo sforzo, ma non devono mai essere troppo pesanti.

La cosa migliore sarebbe intervallare gli esercizi suddetti, soprattutto trazioni, flessioni sulle braccia, e flessioni sulle gambe, nel giro di pochi minuti (in una azione arboricola avvengono addirittura contemporaneamente). In questo modo, come abbiamo detto, lavorano in modo assolutamente ottimale tutte le fasce muscolari.

Si possono aggiungere molti altri esercizi a corpo libero, molto importanti anche per chi avesse qualsiasi tipo di patologia alla colonna vertebrale, o in generale a livello osseo o/e articolare: ne esistono innumerevoli nel campo della ginnastica posturale (che include anche lo stretching) e della calistenica (disciplina che include tutti gli esercizi sovraesposti anche); tuttavia, già quelli detti in questo articolo, se accompagnati dall’alimentazione fruttariana, o ancora meglio melariana, hanno una potenza salutistica enorme, e sono di sicuro i più adatti, i più equilibrati, i più piacevoli, i più sicuri e i più efficaci per il nostro fisico, e di solito bastano.

Siccome non è importante che l’esercizio fisico sia eccessivo (bastano pochi minuti) ma è assolutamente indispensabile che sia fatto tutti i giorni , per chi non ha un melo o un albero vicino a sé, la cosa migliore e più semplice è comprare una power tower ; o semplicemente comprare una barra orizzontale (in qualsiasi negozio sportivo, o meglio, farsela da soli con un tubolare di legno, l’ideale è poi foderata con una lamina di sughero) e fissarla molto bene (comunque, e vale anche per quelle che si installerebbero solo a pressione, aggiungere sempre viti molto larghe e molto lunghe) dentro casa, in modo che quando l’organismo lo richiede si possano effettuare tutti gli esercizi suddetti almeno 2 o 3 volte al giorno.

Trazioni alla sbarra:

trazione_alla_sbarra

afferrare una barra orizzontale con i palmi delle mani verso avanti (ma si possono alternare con le trazioni a presa inversa, sebbene il primo esercizio sia l’unico veramente completo) e tirarsi su e giù più volte che si può magari con serie intervallate; senza forzare e, all’inizio, con gradualità; riscaldare sempre prima un pochino i muscoli per evitare strappi per sforzo a freddo. Questo esercizio consente lo sviluppo ottimale di quasi tutti i muscoli del busto, specialmente dei fondamentali dorsali.

Mappa-Muscolare-Dorsali-Trazioni-Avanti Mappa-Muscolare-Dorsali-Trazioni-Sbarra-Avanti

Piegamenti sulle braccia:

piegamenti-sulle-braccia

Una volta sdraiati per terra a faccia in giù, sollevarsi con le braccia, mantenendo il busto parallelo al pavimento, “rigido”, sempre magari con serie intervallate. Questo esercizio è importantissimo per lo sviluppo dei pettorali che, specialmente insieme ai dorsali, determinano un bilanciamento ottimale del busto.

Specialmente le trazioni alla barra sono assolutamente fondamentali, anche per prevenire, contrastare, risolvere l’incurvamento della schiena (con spalle in avanti), a cui bisogna aggiungere, ogni giorno, il tirare indietro le spalle decisamente, e trattenerle, sempre indietro, per qualche secondo (l’ideale è subito dopo ogni serie di trazioni alla barra).

Flessioni sulle gambe:

air_squat Squat

Partendo dalla posizione eretta, con i piedi alla larghezza delle spalle, flettersi verso il basso, mantenendo però il busto verticale, e ritornare su (sollevando anche i talloni a fine risalita, per l’attivazione muscolare dei polpacci), anch’esse a serie intervallate. Questo esercizio è di fondamentale importanza per lo sviluppo dei quadricipiti femorali, i muscoli più importanti delle gambe. Sarebbe il cosiddetto squat a corpo libero.

Dip alle parallele:

OLYMPUS DIGITAL CAMERA Mappa-Muscolare-Pettorali-Piegamenti-Parallele

Solo per chi avesse un albero, o una power tower, o trovasse un modo alternativo per eseguire questo esercizio (ad esempio esistono molti parchi con le parallele dove poterlo eseguire) , sollevarsi sulle braccia su due sbarre circa alla larghezza delle spalle e perpendicolari al nostro petto, e ridiscendere (non eccessivamente) con corpo sempre rigido, tenendo gli addominali contratti e le scapole chiuse, per poi risalire nuovamente. Questo esercizio è importante per lo sviluppo dei tricipiti, deltoidi e dei pettorali.

Addominali:

ADDOMINALI-SOLLEVAMENTO-GAMBE-90-SBARRA

Appesi alla sbarra, portare le gambe su e giù, fino all’altezza del petto. Per rendere più duro l’esercizio, non ridiscendere con le gambe in maniera totale, ma frenarle quando arrivano ad un angolo di 90 gradi col busto.

Mappa-Muscolare-Addominali-Sollevamenti-GAmbe-Sbarra

Lombari:

come-allenare-i-muscoli-lombari_78d7f3f523a6569a8518bccbc2457519 Dorsali_Int hyperextensions

I muscoli lombo-sacrali si possono allenare in molti modi, con vari esercizi calistenici, o nella ginnastica posturale, o col relativo macchinario. Il modo migliore e più semplice è quello di alzare il busto verso l’alto, con i piedi fissati a una spalliera o tenuti da qualcuno o qualcos’altro, da posizione prona a terra, per poi tornare giù. Si può fare anche senza bloccare i piedi. I lombari vengono comunque coinvolti durante l’esecuzione degli altri esercizi, ma sono importanti per bilanciare il busto, insieme agli addominali.

super_man_exercise

Pesi (facoltativo):

Si possono aggiungere inoltre esercizi molto leggeri con i pesi, che non creano traumi alle articolazioni, se si usano pesi leggeri come i classici esercizi per le spalle e bicipiti (massimo sei kg, a seconda della statura di ognuno anche fino a 7 kg per le spalle, 10-12 per i bicipiti, ma bastano anche pesi da 4 kg). Basta ricordarsi sempre di mantenere un busto rigido durante l’esecuzione dei medesimi, con gambe leggermente piegate dalla posizione eretta, glutei contratti, petto in fuori e scapole in dentro. I bicipiti, comunque, meglio farli da seduti, con schiena dritta.

METGJGTNJXLTQMF4YEON67D100 Esercizi-Spalle_l

Si può aggiungere, come predetto, un peso da due kg fino a massimo 5-6 kg fra le gambe durante l’esecuzione delle trazioni alla barra, o delle parallele.

Corsa (facoltativo, basta camminare):

Non c’è bisogno che sia eccessiva e che sia fatta sempre, ma è un ottimo esercizio aerobico. Soprattutto nel fruttarismo, meno nel melarismo, quest’attività è importante, specialmente per l’efficienza cardiocircolatoria, connessa fortemente a quella respiratoria-diaframmatica. L’esercizio di tipo aerobico inoltre aiuta enormemente il sistema linfatico nello smaltimento delle tossine, oltre che incrementare di moltissimo l’ossigenazione di tutti i tessuti, organi, apparati (compreso quello neuronale).

corsa-running

Assicurarsi di avere le scarpe adatte alla corsa, o comunque quelle con cui ci si trova meglio; le scarpe devono essere tanto più ammortizzanti quanto più è dura la superficie dove si corre. Cercare di correre sempre su superfici non troppo rigide come ad esempio sull’asfalto, marmo, cemento: l’ideale è correre invece proprio sulla terra. Se essa è morbida e non pietrosa, si può addirittura, gradualmente, prima ritornare e reimparare a camminare su di essa e successivamente provare a correre, scalzi… Il che sarebbe il massimo, per ovvi motivi.

Non fate mai tutto lo sport sopra descritto come un dovere, ma solo come un grande piacere, perché l’attività fisica naturale nasce proprio come un grande piacere, uno degli stupendi motivi per stare anche a contatto con in nostri grandi amici vegetali (i polmoni del mondo), che ne gioiscono con noi, visto che ci siamo con loro evoluti in perfetta simbiosi anatomica e fisiologica.

N.B. Tutti gli esercizi spiegati nell’articolo si possono trovare in Internet. Per chi avesse bisogno di capirli meglio, studiarne l’esecuzione direttamente tramite i numerosi video-tutorial su YouTube.

[alcune delle immagini esplicative presenti in questo articolo sono state prese dal sito http://www.evolutionfit.it/Fitness/Evoluzione-del-fitness.aspx%5D

Annunci