Fisiologia comparata applicata alla specie umana

image

La fisiologia comparata, non solo attraverso il settore della comparazione fisiologica dei sistemi digerenti di tutte le diversissime specie animali, ma addirittura attraverso il settore generale, cioè della comparazione fisiologica di tutti gli altri apparati fino a tutti i loro singoli organi e tessuti, dimostra chiaramente che il nostro intero sistema fisiologico, compreso quello enzimatico, è totalmente diverso da quello delle specie “onnivore”, carnivore, semivore, granivore, erbivore, ecc. ed invece, del tutto al contrario, è perfettamente tipico delle specie fruttivore, in particolare addirittura di quelle, come gli scimpanzé bonobo (che, tra l’altro, sono considerate le più intelligenti ed evolute in assoluto oltre che le strutturalmente più simili all’uomo), adatte alla frutta a più basso contenuto proteico in assoluto tra tutti i primati (non è un caso che, per la nostra specie, il frutto a struttura edibile a più basso contenuto proteico sia proprio sempre lei, la mela).

Differenza tra alimento e componente ecosistemica trofo-aspecifica

Ogni specie animale ha, all’interno del proprio ecosistema, il suo corrispondente alimento specie-specifico (cioè adatto alla sua specie); tutte le altre parti di ecosistema (specifico e mondiale), diverse, quindi, dal suo cibo specie-specifico, sono, per quella specie animale, proprio l’opposto del suo alimento, e quindi sono chiamate componenti ecosistemiche trofo-aspecifiche (cioè parti di ecosistema non adatte nutrizionalmente a quella specie).

Ad esempio, per un folivoro, come il koala, le foglie di Eucalipto sono il suo alimento specie-specifico, e quindi qualsiasi altra restante parte di ecosistema mondiale (come qualsiasi altro tipo di foglia, o frutto, o radice, o seme, o carne, ecc.) sono per lui componenti ecosistemiche trofo-aspecifiche, cioè parti di ecosistema non “progettate” dalla natura per entrare nella sua bocca.

Riguardo la specie umana, come si può vedere dagli altri articoli di questo sito, attraverso l’analisi di tutte le altre scienze, dalla biochimica alla fisiologia, alla scienza dell’alimentazione moderna, alla patologia e terapeutica moderne, ecc. la mela è il suo alimento specie-specifico (cioè adatto alla sua specie), e quindi qualsiasi altra restante parte di ecosistema mondiale (come qualsiasi altro tipo di frutto, o foglia, o radice, o seme, o carne, ecc.) sono per lui componenti ecosistemiche trofo-aspecifiche, allo stesso identico modo di come lo è la terra sotto i nostri piedi, la corteccia di un albero, una liana, o un ramo legnoso.

Dunque, quando riferendosi alla specie umana, si parla di altra frutta, della cosiddetta “verdura”, dei cosiddetti “semi”, del latte aspecifico (di capra, di vacca ecc.), dei cosiddetti “formaggi”, delle uova, del cosiddetto “pesce”, della cosiddetta “carne” e via dicendo, non si sta ovviamente parlando di qualcosa che ha minimamente a che fare col concetto di “cibo” in quanto trattasi di componenti ecosistemiche trofo-aspecifiche, e quindi, come abbiamo visto negli articoli relativi alla patologia moderna, se introdotti dentro il nostro organismo costituiscono semplicemente un insieme di tossine trofo-aspecifiche (cioè di componente ecosistemica trofo-aspecifica), e innescano all’istante il processo patologico (a volte lento e subdolo, altre evidente e veloce, in quanto è crono-cumulativo). Per questo motivo, quando parliamo di componente ecosistemica diversa da mela, riferendosi alla specie umana, non lo possiamo chiamare cibo, ma, al limite, cosiddetto “cibo”.

Vediamo ora dei cenni di fisiologia comparata relativa alla specie umana, riguardo le componenti ecosistemiche trofo-aspecifiche, utilizzate oggi ancora (per poco, per semplicissima selezione naturale, come vedremo meglio negli articoli relativi alla scienza ecosistemica) come cosiddetto “cibo”.

-I COSIDDETTI “PRODOTTI ANIMALI”:

Si definiscono “prodotti animali” solo due categorie: i “prodotti carnei”: “carne”, “pesce” e “uova”; e i “prodotti lattei”: “latte” (con i suoi derivati) e “miele” (sul miele chiariremo perché è “latteo”).

Prodotti carnei”

Prodotti lattei”

-I COSIDDETTI “PRODOTTI VEGETALI”:

Cereali e legumi (e semi analoghi)

Verdure”

Annunci